Delocalizzazione di imprese all’estero

/Delocalizzazione di imprese all’estero
Delocalizzazione di imprese all’estero2019-02-06T10:39:12+00:00

La globalizzazione economica impone ai nostri Imprenditori di valutare con grande attenzione e interesse la possibilità di delocalizzare all’estero le loro Aziende.
Infatti, l’aumentata competizione su scala mondiale da una parte, la pressione fiscale e il mercato in caduta libera dall’altra, hanno fatto sì che un numero sempre maggiore d’Imprese, anche di medie e piccole dimensioni, si attivassero per cercare nuove occasioni sui mercati esteri. L’Internazionalizzazione può consentire alle Aziende di dar vita a nuove opportunità, creare ulteriore valore, sopravvivere nel tempo ed infine di lavorare per il successo della loro mission.

Internazionalizzare l’Impresa significa sottoporla ad un processo di complessa revisione. Tale processo investe l’intera struttura, comprese le risorse umane, l’assetto finanziario, il posizionamento sul mercato. L’organizzazione deve essere rivisitata, aggiornata ed ampliata tenuto conto dei fondamentali propri di una imprenditorialità che deve competere a livello Intercontinentale.

Internazionalizzare l’Impresa significa sottoporla ad un processo di complessa revisione. Tale processo investe l’intera struttura, comprese le risorse umane, l’assetto finanziario, il posizionamento sul mercato. L’organizzazione deve essere rivisitata, aggiornata ed ampliata tenuto conto dei fondamentali propri di una imprenditorialità che deve competere a livello Intercontinentale.

L’Internazionalizzazione comporta, per la PMI, la valutazione di strategie di delocalizzazione e di alleanze Internazionali al fine di assicurare una durevole e soddisfacente penetrazione nel mercato e stabilizzazzione.

L’Internazionalizzazione, che per un’impresa significa espandersi al di fuori del proprio Stato, può avvenire in modi differenti:
– esportando all’estero ciò che è prodotto in patria;
– investendo all’estero in joint venture con un imprenditore straniero, che è presente sia come Socio nell’ asset della società, sia nella conduzione dell’Azienda, con apporti differenti know-how, equipaggiamenti, agreeement, intangible;
– consentendo ad operatori stranieri, opportunamente selezionati, di vendere prodotti italiani nei loro paesi in virtù di accordi basati su concessioni, rappresentanze, licenze ed in genere mandati.
– delocalizzare parte della produzione o tutta, in un nuovo stabilimento estero;

L’Internazionalizzazione non riguarda più le grandi imprese come avveniva in passato solamente, ma è un fenomeno che deve essere preso in considerazione anche dalle piccole e medie aziende per far fronte ad una crisi economica e finanziaria che, in Italia, le sta estinguendo.

Scarica PDF